Cose

Cose

Autore

Ferdinando Scianna

Casa editrice

Edizioni Contrasto 2018

Codice opera

9788869657504

Prezzo

€ 45

Il nostro punto di vista

Il libro fotografico Cose di Ferdinando Scianna – pubblicato dalla casa editrice Contrasto nel 2018 – raccoglie una galleria di immagini di oggetti selezionati dal fotografo nel corso dei suoi viaggi in Italia e nel mondo.
In apparenza, alcune “Cose” potrebbero essere di poco valore: tuttavia sono identificative del luogo da cui provengono e testimonianze antropologiche di chi lo abita.
Da sempre affascinato dalle storie che i manufatti nascondono nel loro apparente silenzio, Scianna si è definito come «un raccoglitore compulsivo e ossessivo».

Gli scatti di Scianna raccontano gli oggetti banali, quelli accatastati negli scaffali, quelli dimenticati nei cassetti oppure quelli raccolti con devozione.
“Le cose raccontano, ci raccontano, come le fotografie” ha scritto l’autore.
Le immagini selezionate nel libro sono tracce che parlano di misticismo, di feticismo, di superstizione e di culti apotropaici. È un libro di fotografia ma soprattutto un libro sull’uomo.

«(…) Quante cose,
atlanti, lime, soglie, coppe, chiodi,
ci servono come taciti schiavi,
senza sguardo, stranamente segrete!
Dureranno più in là del nostro oblio;
non sapran mai che ce ne siamo andati.»

Le cose – Jorge Luis Borges

Ferdinando Scianna (1943) si è sempre tenuto lontano dai vincoli delle specializzazioni (di moda, di paesaggio, di ritratto, …), preferendo una versatilità che rispecchia meglio la sua curiosità. Ha immortalato uomini, donne, bambini, luoghi di dolore e di gioia ma anche “cose”, senza diventare uno specialista di still life.

Nasce a Bagheria, in Sicilia: comincia a fotografare negli anni ’60, dedicandosi alla sua terra, alle persone e alle feste. È il 1965 quando esce il volume Feste Religiose in Sicilia, con un saggio introduttivo di Leonardo Sciascia.
Si trasferisce a Milano, poi a Parigi dove conosce Henri Cartier-Bresson, Ie cui opere lo avevano influenzato fin dalla gioventù. Il fotografo francese lo introdurrà nel 1982, come primo italiano, nella prestigiosa agenzia Magnum.
È autore di numerosi libri e svolge da anni l’attività critica e giornalistica; per Contrasto ha pubblicato saggi su temi relativi alla fotografia e alla comunicazione per immagini in generale.